Circolo Ohibò. Venerdì sera. Fondo sala.

Mi faccio strada tra il pubblico per arrivare ai piedi di un palco maledettamente minimal: Suonano i Lekka. Si esibiscono per primi. Il trio riversa in sala un sound electro energico e assuefante dall’inizio alla fine. Conquistano a pieno la mia attenzione.

Pausa. Silenzio. Buio.

Sul palco compare un microfono collegato ad una pedaliera piena di effetti. Salgono due performer. Leila Gharib aka Sequoyah Tiger fa partire la base, fatte di basse spesse, paddoni e synth dal mood vaporwave. Inzia a cantare con una voce estremamente effettata e struggente, accompagnata dalla danzatrice Sonia Brunelli, con cui si alterna in una vera e propria performance teatrale. Il corpo diventa parte centrale ed integrante dell’esibizione, riuscendo a suggestionare un pubblico a tratti entusiasta, a tratti piacevolmente spiazzato.Tastiere, chitarre e batteria dove sono? È un karaoke? Fanno sul serio? Si, Sequoyah Tiger fa sul serio e vince tutto, in una nuova ondata di concerti dove l’unico strumento che mette tutti d’accordo è l’emotività, cruda e viscerale.

Mezzanotte.

Il tempo lo conquista Pinnacle – ∆ con un lungo dj set che riassumo in una parola: crossover.

 

Davide Felletti

 

Photocredits: Federica Vismara 2018  Costello’s – Circolo Ohibò.

Clicca qui per guardare la gallery completa.